Mostra realizzata con la collaborazione speciale del Musée D’Orsay di Parigi

Manet. Ritorno a Venezia è il titolo della mostra che Palazzo Ducale di Venezia ospiterà dal 24 aprile al 18 agosto 2013 nelle sue monumentali sale, un’esposizione di un’ottantina circa tra dipinti, disegni e incisioni, progettata con la collaborazione speciale del Musée D’Orsay di Parigi, l’istituzione che conserva il maggior numero di capolavori di questo straordinario pittore.

La mostra nasce dalla necessità di un approfondimento critico sui modelli culturali, che ispirarono il giovane Manet negli anni del suo precoce avvio alla pittura. Questi modelli, fino ad oggi quasi esclusivamente riferiti all’influenza della pittura spagnola sulla sua arte, furono diversamente assai vicini alla pittura italiana del Rinascimento, come dimostrerà l’esposizione veneziana nella quale il pubblico potrà ammirare, accanto ai suoi capolavori, alcune eccezionali opere d’apres dei grandi tableaux della pittura veneziana cinquecentesca, da Tiziano a Tintoretto a Lotto in particolare.

La bellezza di Manet: il successo della mostra milanese

Se in vita Édouard Manet è stato pesantemente criticato e contestato dal pubblico, dopo la sua morte le sue opere sono diventate parte integrante dell’arte mondiale. Manet è senza dubbio uno dei più importanti interpreti della seconda metà dell’Ottocento a Parigi, poiché è stato in grado di rappresentare scandalo e vivacità, mostrando l’ingiustizia che colpiva il mondo femminile, lui che da sempre è stato sostenitore dell’emancipazione.

Per raccontare il suo mondo, è stata organizzata la mostra “Manet e la Parigi moderna”, che è rimasta aperta al pubblico dall’8 marzo fino al 2 luglio 2017, presso il Palazzo Reale di Milano.

Una mostra affascinante che si è composta di indimenticabili opere capaci di trasportare gli appassionati indietro nel tempo, all’interno di un percorso caratterizzato da Manet, e da celebri artisti che hanno fatto parte della sua vita artistica ma anche privata.

Continue reading →